APPIA DAY

DOMENICA 11 E DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

Da Roma a Brindisi monumenti aperti, visite guidate, trekking, walkabout, transumanze, musica, ciclotour, attività per bambini

L’ 11 e il 18 ottobre torna l’Appia Day, il festival diffuso della Regina Viarum, con l’apertura straordinaria e gratuita dei monumenti tra Roma e Brindisi e tanti eventi – passeggiate, trekking, ciclotour, musica e spettacoli – per vivere l’archeologia e il territorio a piedi e in bici. Sul PROGRAMMA trovate l’elenco di tutti gli eventi che si svolgono in piu’ giorni in varie localita’ lungo il percorso dell’Appia Antica.

Il comitato organizzatore, grazie anche alla preziosa collaborazione di Legambiente, Touring Club, Comitato Mura Latine, Archeomitato coinvolge decine di associazioni che contribuiscono a dar vita all’evento organizzando decine di attività per coinvolgere visitatori di tutte le età.

L’Appia Day e’ un’occasione per celebrare il fascino e l’incanto dell’Appia Antica, per scoprire quello storico e originale modello di collegamento viario capace di unire Roma e territori lontani e che oggi può diventare la via privilegiata per un’azione di trasformazione della città, per l’affermazione di una nuova idea di uso del territorio e dei beni comuni. Per il quinto anno consecutivo saranno oltre cento gli eventi organizzati da un vasto comitato promotore in collaborazione con il Parco archeologico dell’Appia Antica, il Parco Regionale dell’Appia Antica, la Sovrintendenza Capitolina ai beni Culturali, il Ministero dei Beni Culturali, con il patrocinio del Comune di Roma e della Regione Lazio. L’Appia Day unirà idealmente tante città e comunità locali per chiedere la pedonalizzazione della storica strada 365 giorni all’anno, per immaginare di poter considerare la Regina Viarum la porta d’accesso a una nuova idea di città che investe sul suo territorio, sulla sua cultura, sul suo paesaggio e si mostra più attenta ai cittadini, più moderna, più verde, più vivibile, più sana. L’Appia Day, che negli scorsi anni ha visto la partecipazione di oltre 150mila persone, sarà riservata esclusivamente a pedoni e pedali, con monumenti aperti gratuitamente e pronti a svelare la loro bellezza e i loro segreti, visite guidate per accompagnare i visitatori alla scoperta delle storie millenarie del più suggestivo museo a cielo aperto del mondo. E poi trekking, archeotour in bici, conferenze, mostre, walkabout, street food, musica, attività per bambini. Anche per questa edizione 2020 saranno tanti gli eventi organizzati soprattutto a Roma, cuore dell’Appia Day, ma anche nei diversi comuni del centro e sud Italia attraversati dall’antica Appia.

Fra gli altri eventi di domenica 11 e domenica 18 ottobre l’ARCHEOGRAB, una passeggiata in bici o a piedi alla scoperta di una parte del tragitto del futuro GRAB – il Grande Raccordo Anulare delle Bici di Roma – immersi nella millenaria magia della capitale. Partendo dall’Arco di Druso il giorno 11, dal Colosseo il giorno 18 si arriva a Porta San Sebastiano, si pedala o si cammina percorrendo il suggestivo museo a cielo aperto dell’Appia Antica, si attraversa il Parco della Caffarella con le sue meraviglie naturali e archeologiche e si costeggia l’ininterrotta successione di archi degli antichi Acquedotti, per poi tornare sull’Appia Antica all’altezza della Villa dei Quintili, e via verso Cecilia Metella e il Circo di Massenzio. Nel corso del Tour sono previste 7 tappe, nel corso delle quali ai partecipanti sarà messo un “bollino” su apposita tessera – chi li avrà tutti e 7 avrà diritto ad una maglietta APPIA DAY.

Obiettivo del comitato promotore è di mettere in atto quella che fu l’idea di Antonio Cederna, il grande intellettuale italiano che più di altri s’è battuto per la salvezza di questa antica consolare: superare la vecchia concezione dei monumenti antichi chiusi nel recinto e proporre il patrimonio archeologico come principio regolatore dell’intero sistema urbano, in un inedito intreccio di archeologia e urbanistica. Cominciare, insomma, a ragionare di un itinerario Appia Antica – che valorizzi l’esistente, lo liberi dai mali che lo soffocano a partire dall’abusivismo edilizio – per inaugurare un museo esteso dove il percorso espositivo possa allargare il suo spazio fisico e conquistare nuovi spazi e un’idea nuovo di uso del territorio e dei beni comuni.

On October 11 and 18, Appia Day returns – the widespread festival of Queen Viarum, with free extraordinary opening of the monuments between Rome and Brindisi as well as many other events – walks, trekking, cycling, music and shows – to experience archeological sites and remarkable places on foot and by bike. TIMETABLE

The organizing committee, thanks also to the precious collaboration of Legambiente, Mura Latine Committee, Archeomitato, captivates dozens of associations that contribute to giving life to the event, organizing dozens of activities to engage visitors of all ages.

Appia Day is a great opportunity to celebrate the charm of Appia Antica and to discover the original historical model of the road that connects Rome to remote places, and which today can become the exclusive way for an action to transform the city and for confirming a new idea of a common spaces and goods.

For the fourth year in a row, more than one hundred events are brought to the public by a diverse promotion committee which organizes events in collaboration with the Appia Antica Archaeological Park, the Appia Antica Regional Park, under the patronage of the Municipality of Rome and the Lazio Region.

Appia Day will ideally bring many cities and local communities together to request the pedestrianization of the historic road 365 days a year, to imagine to be allowed to consider Regina Viarum as the access door to a new vision of the city that invests in its spaces, culture and responds to the needs of its citizens while becoming more modern, green, livable and healthy. With over 150 thousand people attending last years, this time Appia Day will be reserved exclusively for pedestrians and cyclists, who will enjoy monuments, the road’s beauty and secrets, as well as guided tours to discover the Millennial stories of the most evocative open-air museum in the world for free. Event also includes trekking, archeological bike tour, walking tour, street food, music and activities for children. Moreover, this year many events are happening right in the heart of Appia Day – Rome – as well as in the other municipalities of central and southern Italy that were crossed by the ancient Appia road.

Among the other events on Sunday October 11 and October 18 the ARCHEOGRAB, foot and cycle ride to discover a part of the route of the future GRAB – the Great Ring Road of Rome’s bikes – immersed in the millennial magic of the capital. Starting from the Arch of Drusus (on October 11, Colosseum on October 18), at Porta San Sebastiano, you will walk along the evocative open-air museum of the Appia Antica, crossing the Caffarella Park with its wonders natural and archaeologica, skirting the uninterrupted succession of arches of the ancient Aqueducts and then returning to the Appia Antica near the Villa dei Quintili, and off to Cecilia Metella and the Circus Maximus. During the Tour 7 stops are scheduled, during which participants will be given a “sticker” on a special card – whoever will have all 7 will be entitled to an APPIA DAY shirt.

The objective of the promotion committee is to put into practice what was the idea of Antonio Cederna, the great Italian intellectual who more than anyone else fought for the salvation of this ancient consular: to overcome the old tradition of restricted ancient monuments and to propose the archaeological heritage as a regulating principle of the whole urban system, creating an original interplay between archeology and urban planning. In other words, to start thinking of an Appia Antica itinerary – that enhances the existing and solves issues such as illegal buildings – to launch an extended museum in which the exhibition route can expand its physical space and conquer new areas and a new idea of use of land and common goods.